Migliaia di donne in tutto il mondo sono ricorse al botulino per cancellare i segni del tempo. E’ facile comprendere il perché del suo successo: non richiede incisioni ne’ interventi chirurgici, non è definitivo e, agendo sul muscolo responsabile delle rughe, produce un effetto di distensione della pelle, cancellando visibilmente i segni del tempo. Tuttavia il botulino elimina i “sintomi” dell’invecchiamento, ossia le rughe, senza però intervenire sulla rigenerazione


Più diluito ma più completo


Per ovviare all’inconveniente sopra citato, è stata recentemente messa a punto una tecnica simile ma alternativa, chiamata “MesoBotox”: proprio come la famosa “Mesoterapia” contro la cellulite, consiste nell’iniezione nel mesoderma (lo strato intermedio del derma) di  sostanze rivitalizzanti (acido ialuronico, aminoacidi, complessi vitaminici, sali minerali) e una piccola quantità di botulino, in modo da ottenere un effetto naturale di distensione della pelle, certo meno marcato di quello ottenuto con la versione classica, ma di certo più armonioso

L’applicazione classica del Botulino riguarda le rughe “dinamiche”, cioè quelle che si formano nelle zone del viso soggette a movimenti continui. Rientrano in questa categoria le rughe d’espressione del viso come quelle frontali, quelle temporali (le cosiddette “zampe di gallina”) e quelle che si formano tra le sopracciglia (dette rughe “glabellari”). Il Botulino elimina le rughe perché “blocca” in maniera selettiva il muscolo che li ha causati.

Con la sua ridotta quantità di Botulino e la presenza di rivitalizzanti naturali, il MesoBotox risulta invece più versatile e “leggero”. Si dimostra così adatto non solo per il trattamento delle rughe dinamiche del viso ma anche per il ringiovanimento di zone cutanee più vaste, come collo, decollete, guance e mento. In questa versione infatti, le iniezioni non sono orientate a colpire un muscolo ben preciso, ma un’ampia porzione del mesoderma, cioè lo strato cutaneo dove le cellule si rinnovano e si rigenerano, in modo da ottenere un effetto di distensione, turgore e tono più ampio. Se l’effetto del Botulino classico è di spianare completamente le rughe di espressione del terzo superiore del viso, quello del MesoBotox è più “fisiologico”, donando alla pelle un aspetto di tensione mai innaturale. L’azione poi dei biorivitalizzanti, che nutrono e curano la pelle dall’interno, rendendola più compatta e liscia dopo solo alcuni giorni, si associa alla stimolazione della produzione di collagene  determinata dagli aminoacidi ed alla idratazione indotta dall’acido ialuronico. Per ottenere risultati efficaci e ben visibili sono necessarie una  seduta di MesoBotox . La soluzione iniettata viene metabolizzata in 4-6 mesi: pertanto è utile effettuare 2-3 cicli l’anno.